Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
Borgo di Gradisca d'Isonzo
placehold

LUOGHI COMUNI

A Gradisca d'Isonzo, presso la Galleria La Fortezza, Via Ciotti 25, Gradisca d’Isonzo

Da Sabato 13 Aprile 2019 a Domenica 5 Maggio 2019

Con “Luoghi Comuni”, Fulvio Dot porta a La Fortezza la sua personale ad oggi più innovativa: 7 opere a tecnica mista su tela (alcune anche di grandi dimensioni) e 20 disegni ad inchiostro su cartone d’imballo in cui l’artista sperimenta con soggetti e materiali, guidandoci in un un viaggio ideale tra le periferie delle nostre città. La mostra si inaugurerà alle 18.00 del prossimo Sabato 13 Aprile negli spazi di Via Ciotti con un dialogo critico tra l’artista e l’architetto Elia Snidero. Rimarrà quindi aperta al pubblico fino al 5 Maggio p.v, con i seguenti orari: giovedì e venerdì dalle 17,30 alle 19,30 sabato dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 17,30 alle 19,30 domenica dalle 10,30 alle 12,30. Sono previste aperture straordinarie durante le festività.

Se conoscete Fulvio Dot per le sue vedute greche o le facciate veneziane, forse fareste meglio a dimenticarle. I suoi ultimi lavori hanno più a che fare, piuttosto, con quei paesaggi urbani che siglava con l’alfabeto simbolico dell’era digitale; quelli che cuciva in un tentativo estremo di salvarli dalla mano impietosa del tempo e dell’oblio. Con la differenza che questa volta la distopia ha lasciato il posto alla realtà.

Adesso Dot guarda alle periferie, a quelle architetture geometriche e in qualche modo seriali che l’affanno tutto umano di personalizzazione rende indistintamente caotiche. Antenne e condizionatori vengono messi in evidenza per cercare contrasti tra il costruito e il vissuto, tra l’evocazione della presenza umana e la monotonia della praticità.

Nei lavori in mostra a La Fortezza, l’artista prende quei palazzi in cui la finalità prettamente abitativa ha la meglio sull’aspetto estetico, li estrapola dal loro contesto, e li dota di un valore artistico forse inaspettato.

E così ecco che i suoi studi di architettura e l’esperienza pittorica maturata negli anni si fondono in una sintesi quasi catartica, regalandoci una serie di opere completamente nuove nel soggetto e nel supporto.

Riconosciamo luoghi che spaziano tra le "vele " di Scampia e il Rozzol Melara di Trieste, proposti nelle tele a tecnica mista con tridimensionalità create a base di stoffe, catrame e malte. Ma la vera chicca sono i disegni: proposti su un materiale fragile e - anche lui- comune come il soggetto: il cartone da imballo, grattato e reso irregolare.

Dopo la recente personale di Trieste, “Luoghi comuni” è la seconda di un trittico di mostre, estremamente diverse l’una dall’altra, che l’artista propone in un breve lasso di tempo e distanze. La terza si terrà il prossimo mese di Maggio al Tiare Art di Villesse. La dimensione più nuova della sua proposta artistica, però, l’artista ha voluto riservarla a La Fortezza: galleria di cui è uno dei soci fondatori e in cui torna oggi ad esporre dopo due anni d’assenza.

Dall’ultima esposizione nella Galleria di Via Ciotti, Fulvio Dot ha esposto sia in Italia, in importanti fiere d'Arte come quelle di Padova e Genova, che all'estero: le sue opere hanno trovato spazio soprattutto in Spagna e in Francia, e continua la collaborazione con Gallerie di riferimento in Canada e a New York.

Organizzato da:

Galleria La Fortezza, Via Ciotti 25, Gradisca d’Isonzo  Per info: 347 4647937