Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.

La facciata d'ingresso allo spazio sacro

placehold

Angelus Fortis Gabriel

Una lode di Rabano Mauro, Vescovo di Magonza, corre lungo la cornice che circonda l'Arcangelo Gabriele, sul portale di accesso a Santa Maria in Silvis.

Una facciata assolutamente inconsueta, che non ha eguali in altre abbazie, e che ci introduce allo spazio sacro del Vestibolo, dell'Atrio e della Basilica Abbaziale.

Una singolarità che si estende anche agli altri affreschi, spesso caratterizzati da figure allegoriche e da moniti ad una vita retta e lontana dalle tentazioni del Maligno e del peccato.

Alla sinistra del portale, sulla parte laterale della bella soggetta che si apre verso il parco abbaziale, altri affreschi. Un benaugurante San Cristoforo con il bambino in spalla, e la Madonna in Trono circondata da San Giovanni Battista e San Giacomo.

Foto Stefano Padovan

placehold

Uno scalone verso le mostre d'arte

Al primo piano, esattamente sopra l'atrio e il vestibolo, si apre il Salone Abbaziale, dedicato alle mostre d'arte, tra le quali spiccano quelle organizzate dal Comune di Sesto al Reghena assieme ad AURA, Associazione Artistica del Friuli Venezia Giulia, che ha portato a realizzare un nucleo di Museo Regionale di Arte Sacra Contemporanea, che ha pochi simili in Italia.