Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
Borgo di Valvasone

Lumi dall'alto. Corse clandestine in città

Venerdì 2 febbraio ore 21.00 - Sala Cavana del Castello

Teatro di parola e di figura

di Gigio Brunello e Gyula Molnar.

Quando Kira mi raccontò questa storia, era incinta del primo bimbo.

Mi aveva fatto vedere il video del suo matrimonio: lei con lo sposo e gli invitati che percorrono velocemente i viali di un parco e guardano sorridenti in telecamera.

Mi spiegò che quel video era un falso, l’avevano girato, di nascosto dai proprietari, in una villa veneta approfittando del giorno di chiusura del ristorante e grazie al giardiniere albanese loro amico.

Soldi per un matrimonio vero e proprio non ne avevano ma quel video serviva per far felici i parenti rimasti in Albania.

E pensare che papà e mamma avevano già combinato un matrimonio con un cugino ricchissimo che viveva a Canadà.

Così cominciò a raccontarmi la sua storia fin da quando era partita in gommone col suo fratellino.

Dopo la Mestre operaia (Vite senza fine) e quella del Risorgimento (Teste calde), a completare la Trilogia, uno spettacolo sui migranti e la città.

Regia di Gyula Molnar

Scenofonia di Lorenzo Brutti

Sculture di Gigio Brunello

Dipinti di Lanfranco Lanza

Musiche di Rosa Brunello eseguite da Rosa Brunello Quintet

Ingresso interno: € 10,00

Ingresso ridotto: € 8,00

(riduzione per residenti, studenti, over 65)