Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
Borgo di Valvasone

Il lume nella tempesta

Domenica 20 settembre 2020 ore 18.00 - Duomo - Piazza Libertà

Immagini dalla vita di Antonio Panciera, patriarca di Aquileia.

Antonio Panciera fu senza dubbio una figura complessa e molto attiva. 

Potremmo definirlo con un paradosso: “un mite combattivo”.

Questa pièce contempla i momenti più significativi della sua parabola di successo, che si concluse, dopo la fine della sua esperienza di patriarca, con un grande lavorio come cardinale per la ricucitura del famoso e annoso scisma papale. Come se Antonio Panciera, il Patriarca destituito, al di là dell’amarezza per la sua vicenda personale, coltivasse alla fine una forte fede nell’esercizio del dialogo, della diplomazia, dei valori umani e della ragione.

Il titolo “Il lume nella tempesta”, nella pièce, è pronunciato dallo stesso protagonista, quando sente vicino, parlando con il giovane Guarnerio di Zoppola (o d’Artegna), il momento di un testamento spirituale.

Le sei scene di cui la pièce si compone sono frutto di fantasia. Si è voluto rivestire di carne e di sentimento le tracce e i graffiti storici che ci sono pervenuti, raccolti e analizzati con estrema precisione da Matteo Candido in due diverse edizioni (1999 e 2014) della biografia del nostro. Data la vivida pregnanza di questi graffiti, e degli argomenti di cui si compongono, la cosiddetta fantasia diventa in realtà un tentativo di interpretazione, con lo scopo di illustrare, dal punto di vista umano, e anche al pubblico dei non addetti ai lavori, il senso di una vicenda esemplare e avventurosa. In essa, così come l’ha ricostruita Matteo Candido, si incrociano e si mescolano, spesso drammaticamente, alcuni grandi temi storici sotto una luce che ha molto significato anche ai nostri giorni: la Patria, la famiglia, i conflitti e le guerre, le dichiarazioni ed i silenzi, il coraggio e l’omertà, la realtà economica e quella della fede, la complessità della Storia e l’ardimento di quelli che provano a non subirla.

Antonio Panciera fu forse un funzionario di carriera, ben formato nei meandri della Curia romana, e prima accuratamente ben reclutato sul campo tra le contraddizioni della civiltà di provincia friulana e papalina. Ma fu anche, oggettivamente, un uomo straordinario, di intelligenza, di cultura, di pazienza e di coraggio, oltre che di carità cristiana. Di lui resta l’ultimo sussulto di dignità indipendente della Patria del Friuli nel suo insieme, prima della assimilazione ai feudi tedeschi e della conseguente reazione veneziana, che portò alla occupazione e alla fine del potere temporale dei patriarchi.

E resta anche lo sforzo di un uomo solo, che volle agire onestamente e con impegno tra le opportunità che le strutture del potere gli permettevano…

Scampò al martirio (ovvero alla morte violenta riservata ai patriarchi scomodi) più per caso che per prudenza, e si impegnò al massimo a trasmettere ai posteri le sue buone intenzioni, raccogliendo in un codice le numerose lettere che le avevano testimoniate.

Questa pièce vuole essere un omaggio a quell’impegno.


Info e prenotazioni:

Associazione Culturale Molino Rosenkranz

Mail mr@molinorosenkranz.it

Ufficio 0434 574459

Cellulare e whatsapp 377 0985538