Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
Borgo di Valvasone
placehold

Vita Nova

📜 VITA NOVA 📜

3 • 4 • 5 Settembre 2021

⚔ Medioevo a Valvasone ⚔

XXIX Edizione

Ogni anno a Valvasone riprenda vita un eroe, un mito, una leggenda, una favola.

Quest'anno la XXIX edizione della manifestazione è dedicata alla "Vita Nova" di Dante, nell'anniversario per i settecento anni dalla sua morte.

L'opera dantesca è dedicata alla sua amata e idealizzata Beatrice, dopo la morte della quale il sommo poeta si trova a vivere un momento di smarrimento.

La "Vita Nova" celebra la rinascita di Dante dopo il dolore provato, che ricostruisce la sua esistenza a partire da un amore eccezionale e altissimo.

Quest'opera diventa un'allegoria dei nostri giorni: come Dante rinasce dal suo dolore, così noi ci auspichiamo una "vita nuova" dopo i tempi duri segnati dagli eventi pandemici.

🥁 Ripartiamo insieme nel segno del rinnovamento.

Illustrazione: Eva Disilve https://www.facebook.com/disilve • www.disilve.it

VITA NOVA

Venerdì 3 settembre, sabato 4 settembre, domenica 5 settembre

dopo il tramonto

piazza Castello

VITA NOVA

dalla Vita Nova di Dante Alighieri

con un commentario di Angelo Floramo

regia di Luca Altavilla

con Leonardo De Colle (narratore)

e Cristiano Parolin (Dante)

figurazioni verticali

a cura di Wanda Moretti

con Simona Forlani

Giulia Mazzucato

Francesca D'Agostino

Gian Mattia Baldan

della compagnia Il Posto danza verticale

musiche eseguite da Adriano Sangineto

con la partecipazione dei Finis Terrae

ornati a cura di Luigina Tusini

elementi di fuoco degli Amici di Lucifero

Un ringraziamento speciale ai volontari, ai torcieri e alle sarte.

Note di regia

La Vita Nova è un’opera che alterna prosa, poesia e commento. Affrontare l'altissima poesia del giovane Dante per dargli forma di corpi, spazi e dramma, è impresa ripida e verticale. Sull'orlo del precipizio si avvicina una guida intellettuale che ci rassicura nel percorso scosceso con queste parole: «Piuttosto che poesia si direbbero atti d'un culto, adempimenti di riti, cerimonie, drammi liturgici, in cui l'amore e gli affetti dell'anima sono personificati» (Benedetto Croce). Dalla visione crociana prendiamo avvio per la ricerca di una forma che ricordi i riti medievali. Allo stesso tempo sentiamo il bisogno di oltrepassare gli stilemi dell’età di mezzo per riflettere la rarefatta poesia.

Nel nostro spettacolo la prosa è affidata a una voce esterna, che accompagna le immagini di Dante, giovane scalpitante, nelle sue stanze alla ricerca dell’Amore. Quando la poesia conquista la scena, nel suo tempo sospeso, la musica svela i corpi che personificano l’amore e gli affetti dell’anima, per dirla con Croce. E infine il commento, ci riporta al suolo e al contesto: non più Dante, ma le parole di Floramo dialogano con noi, e ridanno materia viva e concreta alla visione.

Saranno sei i quadri così composti. Le repliche di questi quadri non avranno appuntamenti preordinati, ma le scene dello spettacolo appariranno senza preavviso durante la manifestazione, proprio come accadeva nel teatro diffuso medievale.

Luca Altavilla

Venerdì 3 settembre 2021

Primo giorno. Per favorir lo distanziamento ed evitar lo raggruppamento, questo anno lo programma seguirà lo tempo medievale: dove a ogni ora è tempo di far festa.

dalle 19.00

Aprite le porte agli ospiti festanti, il Medioevo è rinato a Valvasone. Gli ospiti accendano i fuochi e rabbocchino i bicchieri, le celebrazioni abbiano inizio. In tutte le piazza e le calli del Borgo.

Al primo rintocco dopo l'apertura

Si alzi il vessillo, spiegate al vento le insegne del Conte! E le Guardie si diano il cambio per vegliare sul Borgo in festa. Piazza Duomo.

dalle 20.00

Favoloso banchetto. Alla tavola del Conte si alternan portate e giochi, spettacoli d'arte e buon vino. Solo per pochi eletti: hai tu dunque l'ambito invito? Chiostro del Convento.

Durante le cene

Dolci melodie allietano il desinar. Errando per taverne.

Dopo il tramonto

Il Teatro dei Misteri - Vita Nova. Piazza Castello.

Durante le ore notturne

Scende la notte, s'accendan i lumi: il borgo s'aggiran guardie e briganti, ancelle e artisti erranti. Nelle vie e nelle piazze.

Sabato 4 settembre 2021

Secondo giorno. Per favorir lo distanziamento ed evitar lo raggruppamento, questo anno lo programma seguirà lo tempo medievale: dove a ogni ora è tempo di far festa.

dalle 17.00. All'apertura delle porte

Si alzi il vessillo, spiegate al vento le insegne del Conte e le guardie si diano il cambio per vegliare sul Borgo in festa! Piazza Duomo.

Nel fresco meriggio

Le Giostre di WolfesHofe: tornei e duelli allenino gli armati, a piedi e a cavallo. Brolo.

Prima di desinare

Per intrattener ospiti e cittadini, si ingegnino saltimbanchi, equilibristi, mattaccini. Nelle vie e nelle piazze.

Durante le cene

La guardia si allenta e anche il cavalier più prode si concede un po’ di letizia nel cantar delle taverne. Errando per taverne.

Al tramonto

Tamburi rullanti si faccian largo tra i festanti! Nelle vie e nelle piazze.

Dopo il tramonto

Il Teatro dei Misteri - Vita Nova. Piazza Castello.

Durante le ore notturne

Al calar delle tenebre, s’aggiran dame danzanti e musici itineranti, cantastorie erranti e signori giocondi. In tutte le piazze e le calli del Borgo.

Domenica 5 settembre 2021

Terzo giorno. Per favorir lo distanziamento ed evitar lo raggruppamento, questo anno lo programma seguirà lo tempo medievale: dove a ogni ora è tempo di far festa.

dalle 10.00. All'apertura delle porte

Si alzi il vessillo, spiegate al vento le insegne del Conte! Inizia la giornata dedicata ai fanciulli e alla loro famiglia. Piazza Duomo.

All'undicesimo tocco

Rendiamo omaggio nella Chiesa Granda, li Nobil Signori del Borgo si rechino alla Messa. Piazza Duomo.

Durante tutto il giorno

Piccoli medievali accorrete, per voi giochi, divertimenti, insegnamenti. Apre il Cortile Medievale. Piazza Mercato e Brolo.

Prima del pasto

I mercanti espongano le loro ricchezze, nobili e ospiti accorrano a rimirar! In tutte le piazze e le calli del Borgo.

Durante il pranzo

Profuma tutto il borgo di pietanze divine, è tempo di rifocillar la pancia e lo spirito con gustose vivande e dell’ottimo vino. Errando per taverne.

Quando troppa quiete ci sarà nel borgo

Tamburi rullanti, bandiere svolazzanti, si faccian largo tra i festanti! Piazza Duomo.

dalle 14.00

Stiano pronte le giovani guerriere e i giovani guerrieri per andar all'assalto del castello! dal Brolo, campo armato.

Prima, dopo e durante

Tripudio di bancarelle, giochi e attrazioni riempion di meraviglie borgo, occhi e cuore. In tutte le piazze e le calli.

Nel meriggio a ogni ora

Sfilan per le vie del Borgo Conte e cortigiani: è un tripudio di abiti e gioielli, incantan la vista e i passanti. In tutte le piazze e le calli del Borgo.

Sempre

È sempre l'ora dei giullari! In tutte le piazze e le calli.

Nel tardo meriggio

Si spieghino le armi: si anima l’accampamento come un campo di battaglia. Brolo.

A seguire

Crepitio d’armature e scalpitare di cavalli: giostre, gare e tornei allietano ospiti e convenuti. Brolo.

Pronti per la cena

Succulente vivande e dell’ottimo vino riempion pancia e spirito con gusto divino. Errando per taverne.

Al tramonto

Il Teatro dei Misteri - Vita Nova. Piazza Castello.

Quando è sceso il sole

È tempo di riposar: scende la bandiera, ma la festa nel Borgo fatica a terminar! Piazza Duomo.

placehold

Cena Medievale

LA FIABESCA CENA MEDIEVALE AL CHIOSTRO DELL'EX CONVENTO DEI FRATI SERVI DI MARIA

Non può esserci festa senza un banchetto! Per questo nei tre giorni della rievocazione storica è cura del Conte di Valvasone organizzare un grande ricevimento di nobili suoi parenti e amici e, udite udite, di pochi, fortunati visitatori!

Per questa edizione la cena medievale si terrà nella serata di VENERDÌ 3 SETTEMBRE 2021.

A ospitare la magnifica tavolata sarà il bellissimo chiostro dell’ex Convento dei Frati Servi di Maria, per l’occasione ornato a festa e illuminato dalla calda luce di centinaia di candele.

Già dal pomeriggio, il chiostro antico sarà un brulicare di inservienti indaffarati, un concerto di stoviglie e arredi per le tavole, un fiorire di decori e candele. I mille profumi delle pietanze medievali sul fuoco invaderanno l’aria e metteranno alla prova la tua acquolina… Ma si dovrà attendere il calar del sole e l’annuncio ufficiale dell’araldo per sedere al tavolo del Conte e gustare con lui la succulenta cena medievale.

Sette portate, sette piatti medievali bagnati da fiumi di buon vino e accompagnati da spettacoli d’arte medievale. Nobili, inservienti, musici e giullari, in abiti medievali ricreeranno l’atmosfera di un vero banchetto medievale, intrattenendo e servendo gli ospiti fino a tarda sera.

Ecco il menù:

Fructa in effluvio de aqua

COMINCIAMENTO DE CREDENZA

Matazolla de verzura cum caseo et ovi

Et serriola imbottita

Et caseo inveterato

Et gran crosta de pane fricto

In sodalizio de salse:

Recocta cum semenis de senepa

Et pasticcio de capparis spinosa

Et nux de butiro in herbe

PRIMO SERVITO DE COCINA

Menstra de cicero, fongi et castanee

SECONDO SERVITO DE COCINA

Porcus singularis ad mentha

Guarnito de bisacce et prune siropate in vino vermiglio

DULZE

Dulze spetiato cum fructa siccata

CONCLUSIO

Plato liquido de licore de la casa domina pagurus

BEVANDE

Il tutto annaffiato da vino rosso et bianco pe’ goduriosi, et acqua per li assetati.

*** Il caffè nel XIV sec. non si era ancora diffuso nelle nostre zone, ci scusiamo, ma siamo impotenti davanti alla storia.***

E al termine? Potrai andare ben sazio a zonzo per una Valvasone assonnata, sicuro dei cavalieri che vegliano sul borgo, e a bere un ultimo bicchiere in una delle nostre taverne. Chissà, magari incontrerai lì il Conte...

Vuoi prendere parte al banchetto? La cena medievale è un evento esclusivo e a numero chiuso!

Ma fortunatamente per te il Conte riserva un po’ di posti per i visitatori che acquisteranno il tanto agognato diritto di sedere alla sua tavola...

QUOTA PARTECIPAZIONE

€ 40 Euro a persona

LA QUOTA COMPRENDE

entrata al Chiostro, cena e bevande

BIGLIETTI

I biglietti si acquistano in prevendita online dal 24 agosto sul sito Liveticket.

INFORMAZIONI

Per qualsiasi informazione o richiesta sulle modalità di acquisto, vi preghiamo di contattare
 il numero +39 345 0867343.

Per informazioni generali sulla manifestazione, è attivo il numero +39 379 2671070.

CONDIZIONI DELLA CENA

• Ai sensi del Decreto Legge 105 del 23 luglio 2021, alla cena, come nell'intero spazio della manifestazione, si accede solo se muniti di certificazione verde Covid19.

• Nel biglietto è incluso il pagamento dell'ingresso alla manifestazione che si ritirerà alle casse in entrata.

• Il banchetto ha un menù fisso, elaborato su basi storiche per l'occasione, non è prevista alcuna variazione. Se sei intollerante o allergico o non puoi mangiare specifiche pietanze, valuta con attenzione la tua prenotazione.

• Le tavole del Banchetto saranno apparecchiate in modo da consentire il distanziamento sociale.

PRENOTA IL TUO POSTO ALLA TAVOLA DEL CONTE

Verrai indirizzato su un sito sicuro per effettuare prenotazione e pagamento. Prenota on-line tramite il sistema di biglietteria Liveticket dal 24 agosto.